Piacenzascherma.it utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando a utilizzare il sito, l'utente accetta l'utilizzazione dei cookie. Per saperne di più, leggi l'informativa e la Privacy Policy. Questo avviso verrà riproposto fra un mese.

    Location-Marker-48-3Dove siamo     Telephone-48 +393420408621  

Ultime notizie

Stampa

Il Ct della nazionale di scherma Sandro Cuomo ospite del Panathlon insieme con il figlio Valerio

Postato in News

 

Cena Panathlon Cuomo 14ott18«Prima la persona, poi l’atleta». Una massima che riassume po’ lo spirito con cui Sandro Cuomo allena la nazionale di scherma e la porta da un successo all’altro. Il celebre spadista - vincitore di un bronzo e un oro a squadre in due Olimpiadi, a Los Angeles nell’84 e ad Atlanta nel 1996 - è stato ospite del Pantheon Piacenza Primogenita. Una presenza, come ha ricordato il presidente Luigi Ballani, nel solco di una linea avviata dal sodalizio biancorosso: far conoscere da vicini i commissari tecnici di diversi sport. E così dopo il ciclismo, con Davide Cassani, e il baseball, con Gilberto Gerali, domenica sera 14 ottobre è stata la volta di Cuomo. E per il futuro Ballani sta lavorando su due colpi grossi: i Ct della nazionale di calcio e di rugby. 

Cuomo è stato invitato con il figlio Valerio, che sta ricalcando le orme del padre e con un palmares di tutto rispetto: attuale azzurro, ha conquistato un bronzo agli europei Under 17 ed è stato due volte campione del mondo a squadre Under 20, nel 2016 e nel 2017.

Presente alla serata il Circolo Pettorelli, con il presidente Alessandro Bossalini - uno dei tecnici della nazionale - che ha cominciato il percorso azzurro proprio con Cuomo. «Sono felice della sua visita a Piacenza. Quando lo conobbi - ricorda il Boss - lui era per noi atleti quello che Maradona era per il calcio». Ma all’Albergo Roma c’erano anche due persone che Cuomo ha conosciuto molto da vicino: i fratelli Carlo e Milly Polidoro. Con Carlo, attuale maestro al Pettorelli, Cuomo allenò gli azzurri in Coppa del mondo nel 1990 a Lione. «Ci fu subito feeling fra di noi - ha detto Cuomo - perché Carlo, una grande maestro, mi trattò in modo semplice e scoprii che anche lui era molto attento al lato umano degli atleti. Quello fu un mondiale record per i colori azzurri».

«L’idea di queste serate - ha spiegato Ballani - è di far conoscere ai giovani sportivi l’aspetto formativo dello sport, che è passione e sacrificio».

Ricca di aneddoti la serata si è snodata tra i ricordi di Cuomo e l’attualità di questo sport che affascina sempre più giovani. E proprio ai ragazzi - e ai loro genitori - ha rivolto spesso l’attenzione. «La bellezza della scherma - ha sottolineato - è che pur essendo un’arte marziale eliminala forza e il contatto tra gli avversari. I due, in pedana, sono alla pari e vengono esaltate le capacità dell’individuo, che vanno oltre la pura tecnica». I ragazzi si devono allenare con costanza, senza dimenticare di divertirsi, e si devono formare sul piano emotivo, imparando a reagire alle sconfitte: «Le vittorie sono poche, le sconfitte tante. Ai genitori dico di non forzare le scelte, non intervenire, ma seguire i figli e far coltivare loro delle passioni qualunque siano: sportive, culturali, artistiche. Non consentite che sui vostri ragazzi prevalga il mondo virtuale di computer e smartphone. Gli allenatori, poi, devono imparare a gestire l’emotività degli atleti. E questo è un aspetto molto difficile»

La scherma italiana è in buona salute. ha affermato Cuomo e il settore giovanile svetta con 6 medaglie negli ultimi anni. I competitor più agguerriti, nella spada, non sono più solo gli europei (Francia, Estonia, Ucraina) ma si affacciano con forza gli Usa e i Paesi asiatici come Corea del Sud e la Cina (soprattutto nel settore femminile).

La Federazione della scherma conta oggi 22mila iscritti (si pensi che la Francia ne ha dieci volte tanto) e c’è un notevole incremento del settore giovanile (ma anche quello dei master, dove in pedana scendono anche atleti di 70 anni e che contribuiscono in modo importante a diffondere la scherma e i suoi valori).

Infine, il rapporto padre e figlio è stato descritto da Sandro e Valerio. Il papà ha evidenziato come il figlio spesso faccia fatica a distinguere il ruolo di padre e quello di allenatore, mentre il figlio - in modo diretto - ha chiosato che il suo carattere lo porta a «puntare alla vittoria. Ho capito che questo è il mio sport, anche se amo il calcio e gioco appena posso».

Mala domanda più gettonata è stata quella dell’emozione olimpica. Cuomo, però, ha risposto che il suo ricordo più bello «è legato al mondiale Under 20 vinto. E’ quello che conservo con più emozione».

A.S.D. Circolo della Scherma G. Pettorelli  -   +39 3420408621 -   pettorelli@piacenzascherma.it  -   Palazzetto dello Sport  -  Sala d'armi "Bruno Polidoro", via F.lli Alberici 3 - 29121 Piacenza - Sede legale: via F.lli Alberici, 3 - 29121 Piacenza - P.IVA 01380060333 - C.F. 91009350330